Stampa questa pagina
Sacrum

Sacrum

L'arte sacra ancora oggi rappresenta per un artista la possibilità di poter esprimere la propria visione del sacro confrontandosi con tematiche che affascinano l'uomo da millenni.

Ho realizzato le mie prime opere di Arte Sacra per la nuova chiesa di "Santa Maria della neve" a Mesiano. I temi sviluppati durante i tre anni di confronti e incontri con il parroco don Salvatore Sangeniti sono stati punti fermi della mia crescita artistica e culturale e mi hanno permesso di acquisire uno stile innovativo e personale:

le porte dell'accoglienza, le uniche che si sviluppano dal di fuori verso l'interno;
l'acquasantiera, il leggìo, il fonte battesimale, il confessionale e l'altare che si legano in una simbiosi che non è solo innovazione tecnica ma anche spirituale e nei quali la stilizzaziona delle forme diventa "Essenza", ricerca dello Spirito divino;
la via Crucis con l'innovazione dei grandi tondi, con il Cristo così umano che cadendo per tre volte, per tre volte insegna all'umanità a rialzarsi, perché per rinascere bisogna avere il coraggio di morire.

Sono seguiti il lavoro in granito e legno nella chiesa di Preitoni; le porte dell'accoglienza della chiesa di Santa Paola di San Calogero e quelle della terra e del cielo di Vena; gli amboni, gli altari, i leggìi e i tabernacoli delle chiese di Vallelonga, Acquaro, Dinami e altre opere tra le quali il Cristo in ferro realizzato per la C.E.I. e quello in bronzo per l'Ambasciatore di San Marino, Sua Eccellenza Gian Maria Bellini.

Tutte queste opere rappresentano i punti di partenza e arrivo della mia continua ricerca dell'essenza. Il sacro mi accompagna nel cammino di uomo e d'artista.

Antonio La Gamba

MULTIMEDIA